contatti
 
Vaccinazioni e precauzioni sanitarie
Clima
Caldenario e ora etiopi
Lingua
Cambio valuta
Link

 

Vaccinazioni

Febbre gialla: il vaccino è valido per dieci anni. Si può richiede alla ASL cittadina e va fatta (per essere sicuri che funzioni) almeno un mese prima della partenza. Non è più obbligatoria ma è consigliata dalle autorità sanitarie italiane.

Malaria: non si tratta di un vero e proprio vaccino quanto piuttosto di un farmaco per contrastare l'agente patogeno. Il protozoo che causa la malaria infatti per ora non è acora completamente resistente a tutti i farmaci. Si usano quindi proprio questi per effettuare una profilassi preventiva in modo che quando il Plasmodium falciparum o il P. vivax viene iniettato dall'Anofele (una zanzara) nel sangue si trovi subito a combattere contro il veleno del farmaco. Da tener presente che nel giro di pochi anni l'"animaletto" in questione si è reso resistente a numerosi farmaci (ad esempio la clorochina in molte zone non ha più effetto).
I farmici contro la malaria sono generalmente abbastanza tossici e ne viene sconsigliato l'uso a chi ha problemi di fegato. Per costoro se ne sconsiglia l'uso. Quindi informatevi bene prima di partire. Dove informarsi ? Di solito alle A.S.L. ci sono uffici appositi a cui rivolgersi.
Per i donatori di sangue: le norme che imponevano la sospensione dalla donazione per due anni sono state eliminate; rimane quindi la sospensione di sei mesi, come per tutti coloro che si recano nelle zone malariche più pericolose.
Per esperienze personali ho notato invece che l'uso del farmaco non protegge del tutto e che la profilassi lascia comunque la possibilità di essere infettati. Meglio quindi affidarsi a zanzariere, insettifughi, e indumenti che coprono il corpo.

Febbre tifoide: ci si vaccina tramite l'ingestione di compresse (da farsi prescrivere dal medico curante). Si sappia tuttavia che la copertura non è totale e quindi è necessario prendere precauzioni igieniche e sanitarie.
La malattia si presenta con febbre alta, costipazione (ma a volte anche diarrea).

Meningite meningococcica: la vaccinazione va richiesta alle ASL. Dura due anni. La malattia è endemica in parecchie aree dell'Etiopia.

Tripanosomiasi (malattia del sonno): la mosca Tsè tsè è largamente diffusa in molte zone dell'Etiopia. Tuttavia la malattia non è comune e i casi di infezione sono circoscritti. Indossare pantaloni e camicie a maniche lunghe e colori vivaci e usare spray insettifughi sono i rimedi più efficaci per contrastare l'infezione.

Schistosomiasi: l'agente patogeno è la Cercaria, un parassita che vive in minuscoli molluschi nell'acqua. Nel 2000 ci furono casi anche in frequentatori del Lago di Como.
Non bevete e non bagnatevi nei laghi e nei corsi d'acqua (solo il lago Langano è balneabile) soprattutto quando stagnanti.

Leishmaniosi: il moscerino della sabbia (il flebostomo) ne è il vettore. Si manifesta 10 mesi dopo il contagio.

AIDS: non ci sono stime sulla diffusione. E' vivamente consigliabile evitare rapporti sessuali non protetti.

Tubercolosi: evitare contatti con chi tossisce intensamente e prolungatamente.